Con questo blog voglio condividere con tutti voi le ricette che ho sperimentato e che mi sono piaciute di più!! La cucina è sempre stata un luogo molto importante nella mia vita ricordo ancora quando da piccola osservavo affascinata la mia nonnina, ormai novantenne, che impastava tagliatelle pansoti ravioli facendo roteare a velocità indescrivibile la manopola della macchina della pasta la famosa Imperia (che ormai la modernità ha dotato di motore) sembrava così fluida e leggera... in realtà durissima..., preparava "tegami" (come si dice a Genova) di verdure ripiene, torte di riso, focaccia con la salvia, con la cipolle e altre mille prelibatezze...
Crescendo il primo vero approccio pratico alla cucina me lo ha dato mia mamma grazie alla quale mi sono appassionata soprattutto ai dolci... ricordo con gioia i momenti in cui finito di studiare per l'università mi rilassavo cucinando insieme a mia mamma torte dolci e salate, le prelibate focaccette al formaggio pizza... per poi gustarle tutti insieme a tavola la sera.
E adesso che ho 32 anni, sono sposata e lavoro trovo nella cucina un momento di relax che mi permette di "sfogare" gli stress di una giornata "a mille". (per la gioia del palato del mio maritino).

giovedì 16 gennaio 2014

LA PASTA FROLLA

Ed eccomi dinuovo qui più influenzata che mai, erano anni che non avevo la febbre, ma questa volta i germi di mio figlio hanno avuto la meglio sul mio sistema immunitario già provato dalla stanchezza di questo ultimo periodo, ricordo con nostalgia che l'unico lato positivo di avere la febbre era poltrire in letto dormire dormire e ancora dormire... bene appunto ricordo...perchè non è più così anzi, quando era malato Tommaso voleva stare solo in braccio a me guai a lasciarlo anche solo per un attimo, (in realtà vederlo così attaccato a me è stato bellissimo lui indifeso tutto raggomitolato tra le mie braccia) voleva solo le coccole voleva solo dormire e stare con la sua mamma.

Quando è guarito la mammite è un po' passata, ma mica tanto (evviva la mammite e chi mi rompe le scatole dicendo che è mammone...solo invidia cosa si può pretendere da un cucciolo di 10 mesi??? Mah....) piccolo problema si è ammalata la mamma... e scordiamoci proprio di dormire, di poltrire, non c'è stato un solo giorno che ho passato in casa, tra impegni lavorativi e cose da fare, poi primo giorno di sole dopo infiniti giorni di pioggia vuoi che non lo porto fuori a prendere un po' di aria... tanto un po' di febbre cosa vuoi che sia...penso che mi passerà tra un mese se va avanti così... nel frattempo sono a pezzi e in quei pochi momenti di lucidità da tachipirina  (santo subito chi l'ha inventata) ho deciso di provare una nuova ricetta per la pasta frolla e già che c'ero fare anche una bella crostata con la nutella, che ho comprato da circa 2 mesi ma riposa ancora sigillata nell'armadietto della cucina (mai successo in tutta la mia vita...)...tanto per riprendermi ci sarà il week end, sogno un fine settimana all'insegna dell'ozio e già che ci siamo visto che il  tempo sarà brutto vorrei mettere e radici in casa con Andrea e Tommaso e stare tranquilla e in pace ce la faremo incrociate le dita per me perché sono davvero stanca!!!!

Ingredienti

  • 250 gr. di farina;
  • 100gr. di zucchero a velo;
  • 125 gr. di burro;
  • 2 tuorli;
  • mezza bustina di vanillina.
Preparazione

Mettete la farina a fontana su una spianatoia.
Aggiungete i tuorli il burro lo zucchero, la vanillina e impastate velocemente. Quando l'impasto diventa omogeneo formate una palla e lasciate raffreddare in frigo per almeno un ora.
Togliete dal frigo la pasta frolla, lavoratela come preferite, fate biscotti, crostate, crostatine, pastine ecc...
E' un ottima ricetta più delicata rispetto alla precedente ve la consiglio vivamente.
Buon Appetito!

Nessun commento:

Posta un commento