Con questo blog voglio condividere con tutti voi le ricette che ho sperimentato e che mi sono piaciute di più!! La cucina è sempre stata un luogo molto importante nella mia vita ricordo ancora quando da piccola osservavo affascinata la mia nonnina, ormai novantenne, che impastava tagliatelle pansoti ravioli facendo roteare a velocità indescrivibile la manopola della macchina della pasta la famosa Imperia (che ormai la modernità ha dotato di motore) sembrava così fluida e leggera... in realtà durissima..., preparava "tegami" (come si dice a Genova) di verdure ripiene, torte di riso, focaccia con la salvia, con la cipolle e altre mille prelibatezze...
Crescendo il primo vero approccio pratico alla cucina me lo ha dato mia mamma grazie alla quale mi sono appassionata soprattutto ai dolci... ricordo con gioia i momenti in cui finito di studiare per l'università mi rilassavo cucinando insieme a mia mamma torte dolci e salate, le prelibate focaccette al formaggio pizza... per poi gustarle tutti insieme a tavola la sera.
E adesso che ho 32 anni, sono sposata e lavoro trovo nella cucina un momento di relax che mi permette di "sfogare" gli stress di una giornata "a mille". (per la gioia del palato del mio maritino).

martedì 16 aprile 2013

TORTA PASQUALINA

" Strati di pasta sfoglia fatta a mano che lievitano, si separano,
crescono, creando una millefoglie friabile e fragrante;
è questo il segreto della torta Pasqualina , una delizia della tradizione ligure, 
secondo cui dovremmo sovrapporre 33 sfoglie di pasta. 
Perché tanti erano gli anni di Cristo"
(Casamia cucina)


La settimana scorsa a casa dei miei suoceri ho mangiato una buonissima torta pasqualina, totalmente diversa da quella fatta a casa (molto più "sottile" e composta solo di due sfoglie una sopra e una sotto), mio suocero lo chef della situazione mi ha spiegato la ricetta di sua madre e oggi casualmente sfogliando "Casamia cucina" mi sono imbattuta proprio nella ricetta della torta pasqualina quale migliore occasione per metterla sul blog!
Questa ricetta è molto simile a quella che mia aveva spiegato mio suocero... fatta però da ben 27 (mi pare...) sfoglie mentre questa ne ha "solo 4".

Ed eccovi gli ingredienti per 10 persone:
  • 500 gr. di farina;
  • acqua q.b.;
  • 1/2 bicchiere di olio extravergine di oliva;
  • 800 gr. di priscinseua (è una cagliata di latte, in alternativa ricotta vaccina);
  • 600 gr. di bietole;
  • 100 gr. di parmigiano grattuggiato;
  • 10 uova;
  • sale, pepe e noce moscata.
Preprazione

Mettete la farina, 1/2 di acqua, l'olio e un cucchiaio di sale in una ciotola. Lavorate bene gli ingredienti per 5 minuti, fino ad ottenere un impasto liscio, elastico e morbido.
Copritelo con uno strofinaccio e fatelo riposare per mezz'ora.
Nel frattempo eliminate i gambi dalle bietole, lavatele e cuocetele in una padella con un goccio di olio per 5 minuti, mescolando spesso con un cucchiaio di legno. Poi scolatele accuratamente, lasciatele raffreddare e quindi tritatele finemente con una mezzaluna. Tenetele da parte.
Prendete la pasta mettetela su una spianatoia leggermente infarinata dividetela in 10 parti uguali e aiutandovi con le mani create altrettante palline.
Con un mattarello stendete la prima pallina in un disco sottilissimo, mettete il disco di pasta in una tortiera di circa 24 cm e fatelo aderire per bene al fondo e lasciandolo debordare un po'.
 Stendete la seconda pallina e mettete la sfoglia ottenuta nella tortiera sopra al primo disco, procedete così con le altre 3 palline, fino ad avere 5 sfoglie sovrapposte.
In una ciotola mettete la priscinseua, il parmigiano, le bietole un po' di sale e un pizzico di pepe e noce moscata, aggiungete 4 uova, rimescolate energicamente.
Procedete poi versando il composto nella tortiera, lisciate la superficie, e con il dorso di un cucchiaio formate nell'impasto delle piccole fossette dove metterete le restanti uova, attenti a non rovinare il tuorlo.
Stendete ora le restanti 5 palline e sovrapponente una ad una le sfoglie.
Spennellate la superficie della torta con uovo o olio.
Infornate e cuocete per 40 - 50 minuti. 

Nessun commento:

Posta un commento