Con questo blog voglio condividere con tutti voi le ricette che ho sperimentato e che mi sono piaciute di più!! La cucina è sempre stata un luogo molto importante nella mia vita ricordo ancora quando da piccola osservavo affascinata la mia nonnina, ormai novantenne, che impastava tagliatelle pansoti ravioli facendo roteare a velocità indescrivibile la manopola della macchina della pasta la famosa Imperia (che ormai la modernità ha dotato di motore) sembrava così fluida e leggera... in realtà durissima..., preparava "tegami" (come si dice a Genova) di verdure ripiene, torte di riso, focaccia con la salvia, con la cipolle e altre mille prelibatezze...
Crescendo il primo vero approccio pratico alla cucina me lo ha dato mia mamma grazie alla quale mi sono appassionata soprattutto ai dolci... ricordo con gioia i momenti in cui finito di studiare per l'università mi rilassavo cucinando insieme a mia mamma torte dolci e salate, le prelibate focaccette al formaggio pizza... per poi gustarle tutti insieme a tavola la sera.
E adesso che ho 32 anni, sono sposata e lavoro trovo nella cucina un momento di relax che mi permette di "sfogare" gli stress di una giornata "a mille". (per la gioia del palato del mio maritino).

lunedì 3 dicembre 2012

PANETTONE GENOVESE MEDIO

Il Natale si avvicina, e quest'anno ho deciso di provare a fare il panettone genovese, impresa non facile, ma in fondo tentare non nuoce, e a me piacciono le sfide.
Premesso che esistono due tipologie di panettone genovese, quello molto basso e quello medio.
Il primo secondo me sa più di biscotto e ha molto burro e troppe calorie,  per fortuna ad Andrea e me piace di più il secondo più soffice e più digeribile grazie anche alla minore quantità di burro in esso contenuta.




E così mi sono messa a fare il panettone medio..il risultato, non male anzi a detta di chi lo ha assaggiato buono e molto simile al classico panettone genovese, secondo me è leggermente più soffice del normale panettone genovese che si compra nei negozi, ma il gusto è lo stesso.
Andrea dopo aver assaggiato il panettone ha detto che mi merito per la nostra prossima casa un forno professionale oltre che una cucina super attrezzata come voglio!!! Evviva il mio sogno!!! e il bello è che non manca nemmeno poi così tanto a realizzarlo, grazie al nostro cucciolotto il sogno  di cambiare casa e di avvicinarsi di più ai miei si sta per avverare che bello!
Ma diamoci da fare... eccovi gli ingredienti e la modalità di preparazione del mio panettone! un accorgimento attenti alla cottura, insomma il panettone deve essere soffice all'interno non "duro" io per poco non facevo un pasticcio ma insomma nessuno è nato imparato!
La ricetta è un po' laboriosa se non altro perché ho preparato anche la pasta crescente che serve a far lievitare il tutto, ma volendo si può anche comprare dal panettiere ne servono circa 200 gr.
Eccovi la ricetta per preparare due panenettoni da circa 500 gr. cad. uno.

Ingredienti per la pasta in crescente:

  • 200 gr. di farina manitoba;
  • 50 gr. di lievito di birra.
Preparazione della pasta in crescente:

Semplicissima l'importante è avere un bel calduccio in casa, io l'ho preparata nella planetaria, ma si può anche preparare su una spianatoia e impastarla con le mani.
Mettete la farina nella planetaria e sciogliete il lievito di birra in un bicchiere di acqua tiepida.
Impastate e formate una palla (l'impasto deve risultare morbido), mettete il tutto in una ciotola e lasciate lievitare per almeno un paio di ore. 

Ingredienti per l'impasto con i canditi:
  • 450 gr. di farina manitoba;
  • 1 cucchiaio di acqua ai fiori di arancio;
  • 1 cucchiaio di semi di anice;
  • 125 gr. di burro;
  • 125 gr. di zucchero;
  • latte / acqua q.b. per ammorbidire l'impasto, potrebbe anche non essere necessaria;
  • 100 gr. di cedro candito;
  • 100 gr. di arancio candito;
  • 100 gr. di ciliegie candite;
  • 50 gr. di pinoli;
  • 250 gr. di uvetta;
  • un pizzico di sale.
Preparazione:

Preriscaldate il forno a 180° non ventilato.
Questa seconda preparazione è molto più semplice della prima, mettete nella planetaria la farina manitoba, aggiungete poi il burro a temperatura ambiente e tagliatelo a cubetti. Impastate il tutto e nel frattempo aggiungete i canditi, lo zucchero i semi di anice, l'acqua di fiori di arancio e se l'impasto dovesse risulate troppo asciutto un pochino di latte o di acqua. Aggiungete poi pinoli, uvetta e un pizzico di sale.
Impastate per bene il composto. E adesso è giunto il momento di aggiungere la pasta in crescente precedentemente preparata.
Fate in modo che i due impasti si amalgamino per bene.
Procedete con il dividere in due l'impasto.
Rifasciate la teglia del forno con la carta forno. Rendete gli impasti due palle e posizionateli sulla teglia.
Fate una croce con il coltello sui panettoni crudi e infornate per circa 25 minuti.
Controllate la cottura con uno stuzzicadenti.
Una volta cotto lasciate raffreddare e servite! 
Buon Appetito!


Nessun commento:

Posta un commento