Con questo blog voglio condividere con tutti voi le ricette che ho sperimentato e che mi sono piaciute di più!! La cucina è sempre stata un luogo molto importante nella mia vita ricordo ancora quando da piccola osservavo affascinata la mia nonnina, ormai novantenne, che impastava tagliatelle pansoti ravioli facendo roteare a velocità indescrivibile la manopola della macchina della pasta la famosa Imperia (che ormai la modernità ha dotato di motore) sembrava così fluida e leggera... in realtà durissima..., preparava "tegami" (come si dice a Genova) di verdure ripiene, torte di riso, focaccia con la salvia, con la cipolle e altre mille prelibatezze...
Crescendo il primo vero approccio pratico alla cucina me lo ha dato mia mamma grazie alla quale mi sono appassionata soprattutto ai dolci... ricordo con gioia i momenti in cui finito di studiare per l'università mi rilassavo cucinando insieme a mia mamma torte dolci e salate, le prelibate focaccette al formaggio pizza... per poi gustarle tutti insieme a tavola la sera.
E adesso che ho 32 anni, sono sposata e lavoro trovo nella cucina un momento di relax che mi permette di "sfogare" gli stress di una giornata "a mille". (per la gioia del palato del mio maritino).

sabato 10 novembre 2012

TIRAMISU'

... leggero... o almeno ci provo, insomma rendere leggero un dolce così buono e goloso penso che non sia molto facile, ma in questo periodo la voglia di mangiare "meglio" è tanta, oltre ad essere diventata veramente ghiotta di ogni tipo di verdura (mi piacevano già prima... ma ora... non ne posso più fare a meno) ho sviluppato una sorta di repellenza al dolce, o meglio, mi piace farlo, mi piace da impazzire cucinare dolcetti, crostate ecc... (e non vedo l'ora di farlo con il mio cucciolino chi ha detto che i maschi non devono saper cucinare?????) solo che non mi va più di mangiarli, o meglio ne mangio poco poco tanto per assaggiare e poi inizio a distribuire dolci a destra a e manca.




Oggi, al solito pranzo del sabato a casa dei miei (ora oddio... ci mangio tutti i giorni ma il sabato ha un sapore speciale...), con mia mamma volevamo fare un dolcetto, non troppo impegnativo, ma soprattutto una cosa che potevo mangiare senza problemi, e così visto che in casa c'era il mascarpone (rigorosamente pastorizzato), abbiamo pensato al tiramisù ovviamente modificato perchè io le uova crude non le posso vedere nemmeno lontanamente (tanto non le mangiavo nemmeno prima) e per renderlo più leggero abbiamo cambiato la ricetta il risultato è stato un tiramisù veramente buono e goloso, ma con meno grassi di quello normale.
Una piccola golosità invece dei classici savoiardi abbiamo usato i biscotti caporali, non so se li conoscete, mia nonna li ha sempre usati per fare dei golosissimi dolci al cucchiaio (in particolare ne ricordo uno, favoloso fatto con albumi montati a neve immersi nel latte caldo e uovo sbattuto una delizia! appena riesco/posso lo faccio e vi lascio la ricetta è fantastico!!). I caporali sono biscotti sono tipici liguri leggeri e friabili da provare assolutamente! Sono facili anche da fare in casa e senza burro.
Ma ora vi lascio la ricetta del mio tiramisù leggero per  6 persone:

Ingredienti:

  • 1 confezione di caporali (sono circa una decina);
  • 150 gr. di ricotta;
  • 150 gr. di mascarpone;
  • caffè possibilmente decaffeinato;
  • cacao in polvere;
  • 2 cucchiai e mezzo rasi di zucchero.
Preparazione:

Iniziate con il preparare il caffè a noi è bastata la classica caffettiera piccola, una volta pronto il caffè lasciatelo raffreddare, se volete ingolosire il tutto aggiungeteci un cucchiaio di cioccolato amaro in polvere.
Prendete una pirofila e disponete una prima fila di caporali. Bagnateli con il caffè.
Nel frattempo con il frullatore, mischiate ricotta, mascarpone zucchero e rimescolate bene fino a quando il composto non sarà gonfio e ben amalgamato.
Procedete con lo stendere parte del suddetto composto sui caporali. Ripetete l'operazione dopo aver steso un altra fila di caporali.
Infine guarnite con un po' di cioccolato amaro in polvere e mettete in frigo a raffreddare per benino almeno un oretta.
Servite e.... Buon Appetito!



Nessun commento:

Posta un commento