Con questo blog voglio condividere con tutti voi le ricette che ho sperimentato e che mi sono piaciute di più!! La cucina è sempre stata un luogo molto importante nella mia vita ricordo ancora quando da piccola osservavo affascinata la mia nonnina, ormai novantenne, che impastava tagliatelle pansoti ravioli facendo roteare a velocità indescrivibile la manopola della macchina della pasta la famosa Imperia (che ormai la modernità ha dotato di motore) sembrava così fluida e leggera... in realtà durissima..., preparava "tegami" (come si dice a Genova) di verdure ripiene, torte di riso, focaccia con la salvia, con la cipolle e altre mille prelibatezze...
Crescendo il primo vero approccio pratico alla cucina me lo ha dato mia mamma grazie alla quale mi sono appassionata soprattutto ai dolci... ricordo con gioia i momenti in cui finito di studiare per l'università mi rilassavo cucinando insieme a mia mamma torte dolci e salate, le prelibate focaccette al formaggio pizza... per poi gustarle tutti insieme a tavola la sera.
E adesso che ho 32 anni, sono sposata e lavoro trovo nella cucina un momento di relax che mi permette di "sfogare" gli stress di una giornata "a mille". (per la gioia del palato del mio maritino).

lunedì 15 ottobre 2012

MANGIARE CHE PROBLEMA!

In questo meraviglioso fine settimana passato in Costa Azzurra a festeggiare l'anniversario di matrimonio con il nostro cucciolino/a viaggiatore/trice mi sono resa conto di una cosa, mangiare in gravidanza, almeno per me è diventato un problema.
Per chi mi conosce sa che io amo il cibo, mi piace la buona cucina senza grassi, non sono una fan del burro che fa solo ingrassare, amo il pesce e mangio la carne, non vivo senza frutta e verdura, insomma diciamo che più o meno ho sempre mangiato di tutto e con gusto, con un certa predisposizione nei confronti della cucina raffinata e del buon cibo.



Adesso tutto è cambiato.
Mangiare non è più come una volta.
Soprattutto mangiare fuori casa, complice anche il fatto che non ho fatto la toxo e conseguentemente per me molti cibi sono out, verdure crude comprese se non accuratamente lavate in casa (tra l'altro mi fido solo di come le lavo io o mia mamma...infatti appena posso me ne faccio delle super scorpacciate).
Infatti, finchè sono a casa preparo di volta in volta quello che mi passa per la testa libera da vincoli, cucinare rimane sempre un grande piacere, ma quando si tratta di mangiare, note dolenti.
Insomma capita che qualche sera dopo aver spentolato per ore, mi sia completamente passata la voglia di mangiare e al suo posto sia subentrata una specie di nausea e ripudio nei confronti del cibo, nonostante avessi cucinato cose di cui "avevo voglia".
L'unica cosa che si salva è il pranzo (e la pizza del sabato sera, immancabile!!!!), ormai da anni vado a mangiare da mia mamma e lei volente o nolente sa sempre come prendermi per farmi mangiare, e in questo periodo in cui la sera mi capita di saltare pasto o di mangiare veramente poco, devo dire che è provvidenziale.
Delle volte questo mio nuovo rapporto con il cibo mi fa un po' intristire, ma come mi dice sempre la mamma devo avere solo pazienza sono solo nove mesi di gravidanza più tre di allattamento, e che il premio per questo piccolo sacrificio è impagabile.
E in effetti posso già dire che ha ragione perché quando sento un solletichino nella pancia simile a un leggero battito di ali penso al mio cucciolo che si muove e ne sono felice! 






Nessun commento:

Posta un commento