Con questo blog voglio condividere con tutti voi le ricette che ho sperimentato e che mi sono piaciute di più!! La cucina è sempre stata un luogo molto importante nella mia vita ricordo ancora quando da piccola osservavo affascinata la mia nonnina, ormai novantenne, che impastava tagliatelle pansoti ravioli facendo roteare a velocità indescrivibile la manopola della macchina della pasta la famosa Imperia (che ormai la modernità ha dotato di motore) sembrava così fluida e leggera... in realtà durissima..., preparava "tegami" (come si dice a Genova) di verdure ripiene, torte di riso, focaccia con la salvia, con la cipolle e altre mille prelibatezze...
Crescendo il primo vero approccio pratico alla cucina me lo ha dato mia mamma grazie alla quale mi sono appassionata soprattutto ai dolci... ricordo con gioia i momenti in cui finito di studiare per l'università mi rilassavo cucinando insieme a mia mamma torte dolci e salate, le prelibate focaccette al formaggio pizza... per poi gustarle tutti insieme a tavola la sera.
E adesso che ho 32 anni, sono sposata e lavoro trovo nella cucina un momento di relax che mi permette di "sfogare" gli stress di una giornata "a mille". (per la gioia del palato del mio maritino).

giovedì 28 giugno 2012

TORTA DI RISO

Dopo un inizio settimana di bollente, sia a causa di Scipione, che da domani ci lascerà per dare spazio al suo amico Caronte che ci traghetterà direttamente all'inferno, sia a causa dei mille duemila tremila casini lavorativi, finalmente ho tempo di sedermi un attimo e... sudare... no beh si anche, ma più che altro di fermarmi un attimo e scrivere il blog, ma in realtà non ho molto tempo perché devo ancora finire di cucinare e poi stasera c'è la partita... e che partita, insomma non sono una fanatica di calcio anzi, ma quelle poche volte che tifo lo faccio alla grande, infatti seguo solo partite "importanti" come quella degli europei di stasera e poi i mondiali.



Stasera in vista della partita mi serviva un piatto leggero (per non addormentarmi in caso di partita noiosa) ma gustoso, così ho deciso di preparare la torta di riso in due varianti, la classica con ricetta originale della nonna e quella più fantasiosa.
Alla fine erano buone tutte e due, ma io ora vi propongo la ricetta della torta classica della nonna ninne.

Per la pasta:
  • 250 gr. di farina 00;
  • acqua;
  • sale;
  • olio di oliva;
  • olio di gomito! 
Per il ripieno:
  • 200 gr di riso;
  • 200 ml di latte leggero granarolo (buonissimo secondo me);
  • 1 bicchiere di acqua tiepida;
  • 1 vasetto quagliata;
  • sale e pepe;
  • olio di oliva.
Preparazione:
Prima di tutto va fatta la pasta perché deve risposare (il trucco è che più riposa più è buona). Potete impastarla sia in una ciotola o alla vecchia maniera, mettendo la farina a fontana su un ripiano e poi acqua olio sale all'interno.
Impastate per bene e lasciatela riposare 10 minuti, poi riprendete a impastare il tutto lasciate ancora riposare.
Preriscaldate il forno a 180°.
Preparate il ripieno, mettete sul fuoco una casseruola con il latte e il riso, aggiungete poi il sale e l'olio e infine l'acqua, quando il riso è cotto, non deve risultare compatto, ma morbido. Togliete dal fuoco versate il riso in una ciotola, aggiungete la quaglia il pepe e aggiustate di sale (volendo potete mettere anche un uovo ma io preferisco senza).
Servite tiepida, l'ideale è accompagnarla con una bella insalatona!
Buon Appetito!


Nessun commento:

Posta un commento