Con questo blog voglio condividere con tutti voi le ricette che ho sperimentato e che mi sono piaciute di più!! La cucina è sempre stata un luogo molto importante nella mia vita ricordo ancora quando da piccola osservavo affascinata la mia nonnina, ormai novantenne, che impastava tagliatelle pansoti ravioli facendo roteare a velocità indescrivibile la manopola della macchina della pasta la famosa Imperia (che ormai la modernità ha dotato di motore) sembrava così fluida e leggera... in realtà durissima..., preparava "tegami" (come si dice a Genova) di verdure ripiene, torte di riso, focaccia con la salvia, con la cipolle e altre mille prelibatezze...
Crescendo il primo vero approccio pratico alla cucina me lo ha dato mia mamma grazie alla quale mi sono appassionata soprattutto ai dolci... ricordo con gioia i momenti in cui finito di studiare per l'università mi rilassavo cucinando insieme a mia mamma torte dolci e salate, le prelibate focaccette al formaggio pizza... per poi gustarle tutti insieme a tavola la sera.
E adesso che ho 32 anni, sono sposata e lavoro trovo nella cucina un momento di relax che mi permette di "sfogare" gli stress di una giornata "a mille". (per la gioia del palato del mio maritino).

sabato 16 giugno 2012

L'AUTOLAVAGGIO E' UOMO

Scipione, caldo africano, è arrivato e finalmente si sente aria d'estate, questo calduccio migliora notevolmente il mio umore che ultimamente subiva gli scazzi del tempo e non ne poteva veramente più.
Per inaugurare la stagione estiva stamattina ho deciso (finalmente) di lavare la mia macchinina, la mia fida compagna di viaggio che ogni giorno mi porta a Sori, e che dopo l'ultima pioggerellina era veramente sporca, fate conto che anche le rare giornate di sole, salita in macchina vedevo la nebbia, con lo strato di polvere e sabbia che avevo sul vetro davanti potevo contribuire al riempimento di una spiaggia, mentre i miei interni sono sempre stati splendenti per accogliere i miei ospiti.
Già perché chi sale con me non è un passeggero, ma un ospite, a cui vengono offerti salatini, bibite ecc...che tengo ordinatamente posizionati nei vari cassettini, sapete, l'ospitalità prima di tutto! Prima o poi spunterà anche un frigo per avere sempre bevande fresche, ma questa è un altra storia!


Stamattina appena arrivata al mio solito e fichissimo autolavaggio (penso sia il migliore della zona Quarto/Quinto) c'era pochissima gente, così ho deciso di fermarmi, e ho potuto osservare l'animale uomo come si rapporta nella savana autolavaggio, mentre io con scazzo infinito cercavo il programma migliore per pulire la mia macchina tra super spazzole con sapone, acqua demineralizzata (per evitare gli aloni), detergente delicato e quantaltro pensando che a me sarebbe bastata una canna d'acqua con un po' di sapone per i piatti, vedevo gli uomini intorno a me pigiare sicuri tutti i bottoni che avevano a disposizione, iniziando a pulire la macchina con un gentile prelavaggio e proseguendo fino ad arrivare alla lucidatura con la cera, investendo circa 10-15- 20 euro per lavare IL gioiello, per non parlare di chi, dopo aver passato la cera provvedeva a passare la pelle di daino su tutta la carrozzeria per asciugare la piccola.
Tutto ciò mi ha fatto riflettere sul sesso maschile, nel senso che, se gli uomini usassero metà della  precisione che usano per pulire la macchine nell'aiutarci nelle faccende domestiche probabilmente tutto sarebbe più facile e noi donne dovremmo faticare la metà, ma questo forse in un mondo utopistico...

Nessun commento:

Posta un commento