Con questo blog voglio condividere con tutti voi le ricette che ho sperimentato e che mi sono piaciute di più!! La cucina è sempre stata un luogo molto importante nella mia vita ricordo ancora quando da piccola osservavo affascinata la mia nonnina, ormai novantenne, che impastava tagliatelle pansoti ravioli facendo roteare a velocità indescrivibile la manopola della macchina della pasta la famosa Imperia (che ormai la modernità ha dotato di motore) sembrava così fluida e leggera... in realtà durissima..., preparava "tegami" (come si dice a Genova) di verdure ripiene, torte di riso, focaccia con la salvia, con la cipolle e altre mille prelibatezze...
Crescendo il primo vero approccio pratico alla cucina me lo ha dato mia mamma grazie alla quale mi sono appassionata soprattutto ai dolci... ricordo con gioia i momenti in cui finito di studiare per l'università mi rilassavo cucinando insieme a mia mamma torte dolci e salate, le prelibate focaccette al formaggio pizza... per poi gustarle tutti insieme a tavola la sera.
E adesso che ho 32 anni, sono sposata e lavoro trovo nella cucina un momento di relax che mi permette di "sfogare" gli stress di una giornata "a mille". (per la gioia del palato del mio maritino).

venerdì 11 maggio 2012

CAPRESE AL CIOCCOLATO

Tutto cominciò così... all'inizio degli anni venti pare che, al pasticcere Di Fiore di Capri sia stata commissionata una torta al cioccolato che doveva finire sulla tavola del famoso capo mafioso Al Capone (in altre versioni della storia sono paciosi turisti americani). Tutto agitato per la delicata missione, il cuoco preparò l'impasto a puntino, dimenticando sulla spianatoia la farina e il lievito. Pronto ormai al peggio, tolse dal forno ciò che sbadatamente aveva preparato ma l'impasto gli piacque così tanto da fargli capire che, del tutto involontariamente, aveva creato una nuova versione della torta che in omaggio alla sua terra, volle denominare Caprese.




La prima volta che l'ho mangiata ne sono rimasta veramente estasiata, è stato circa un anno fa a casa di un collega che aveva organizzato una cena di studio, un signora cena preparata da sua moglie Anna, veramente una grande, grandissima cuoca, che dulcis in fundo ci ha preparato questa torta senza farina e di una bontà unica.
Pensavo di farla ormai da un po' di tempo e avevo giusto giusto trovato la ricetta su un libro regalatomi da mia mamma a Natale, si trattava solo di trovare l'occasione giusta per farla, e il compleanno di mio suocero lo è stata, anche se sinceramente avevo un po' di "ansia da prestazione" ieri sera dopo aver sformato la torta, non avendo il classico piatto porta torta bello piatto (che oggi ho già provveduto a comprare... si ma piccolo problema dove lo mettoooo ho la cucina stracolma di roba... evvvabbeeee), mi si è crepata leggermente ed ero già in crisi, ma poi grazie a qualche abile manovra e una pioggia di zucchero a velo aggiunta stamattina la mia torta è stata la protagonista di una piccola festicciola a sorpresa organizzata in ufficio, con grande felicità di Andrea e questo mi ha reso ancora più felice!
Mi ha fatto davvero piacere preparare la torta, mio suocero è un simpatico ometto che mi fa sorridere solo a pensarci un grande sportivo sci, bici, camminate, insomma un infaticabile un po' come Andrea (beh del resto è suo padre!)... per me è un vero mito, anche se a molti può sembrare strano, ma lo stimo davvero tanto.
Lo so che vi state chiedendo di mia suocera... la mia non è particolarmente molesta, per fortuna..anzi (forse perché ha capito il mio caratterino, forse perché è tranquilla di natura chi lo sa...) però la suocera è sempre la suocera, insomma capiamoci.
Eccovi la ricettina della mia caprese, è per una teglia di circa 30 cm (se ne avete di più grandi dovete raddoppiare la dose altrimenti non rende).

Ingredienti:
  • 200 gr. di mandorle;
  • 125 gr. di zucchero;
  • 125 gr. di cioccolato;
  • 3 uova;
  • 125 gr. di burro.
Preparazione:

Preriscaldate il forno non ventilato a 170°.
Sciogliete a bagno maria il cioccolato, separatamente il burro e tritate finemente le mandorle.
Incorporate il cioccolato fuso alle mandorle e mescolate per bene. Nel frattempo sbattete i tuorli d'uovo con lo zucchero fino ad avere un composto spumoso e gonfio. Procedete con incorporare il composto di mandorle e cioccolato alle uova sbattute con lo zucchero. Aggiungete poi il burro fuso ed infine gli albumi montati a neve ferma.
Se vi piace aggiungete qualche cucchiaio di liquore.
Imburrate e infarinate una teglia, versatevi il composto che deve risultare bello gonfio (suggerisco di aggiungere gli albumi poco per volta e mescolare dal basso verso l'alto non con il frullatore ma con un cucchiaio, mi raccomando mescolare sempre nello stesso senso).
Mettete il composto nella vostra teglia e infornate. Controllate la cottura con uno stuzzicadenti.
Buon Appetito!


2 commenti:

  1. E questa delizia da dove salta fuori! Se ce l'avevo dal vivo me la finivo in meno di un'ora!

    RispondiElimina
  2. e non la davo ad Andrea da portare in ufficio me la sarei mangiata tutta... e altro che dieta in vista dell'estate... sono troppo golosa!!!

    RispondiElimina