Con questo blog voglio condividere con tutti voi le ricette che ho sperimentato e che mi sono piaciute di più!! La cucina è sempre stata un luogo molto importante nella mia vita ricordo ancora quando da piccola osservavo affascinata la mia nonnina, ormai novantenne, che impastava tagliatelle pansoti ravioli facendo roteare a velocità indescrivibile la manopola della macchina della pasta la famosa Imperia (che ormai la modernità ha dotato di motore) sembrava così fluida e leggera... in realtà durissima..., preparava "tegami" (come si dice a Genova) di verdure ripiene, torte di riso, focaccia con la salvia, con la cipolle e altre mille prelibatezze...
Crescendo il primo vero approccio pratico alla cucina me lo ha dato mia mamma grazie alla quale mi sono appassionata soprattutto ai dolci... ricordo con gioia i momenti in cui finito di studiare per l'università mi rilassavo cucinando insieme a mia mamma torte dolci e salate, le prelibate focaccette al formaggio pizza... per poi gustarle tutti insieme a tavola la sera.
E adesso che ho 32 anni, sono sposata e lavoro trovo nella cucina un momento di relax che mi permette di "sfogare" gli stress di una giornata "a mille". (per la gioia del palato del mio maritino).

sabato 5 novembre 2011

SABATO

Solitamente al sabato sera vige la "regola" più che piacevole del mangiar fuori, amo e adoro il sabato sera per questo motivo, mangiare al ristorante o in pizzeria mischiarsi con la gente, una serata per uscire e per svagarsi dopo la settimana lavorativa, ma questa regola oggi ha conosciuto l'eccezione!
Ecco io non amo le eccezioni non amo che mi si distruggano i programmi che faccio, non amo che mi si tocchi il sabato e la domenica sera con le nostre abitudini, ma invece questo fine settimana è andata diversamente e non mi resta che accettarlo e fare di tutto per fare in modo che tutto vada nei migliori modi possibili, un tranquillo sabato sera a casa, in compagnia del mio raffreddore e della mi tonsillite e dei miei antibiotici che mi rendono stanca ed assonnata, per fortuna che c'è Andre che mi stringe in un caldo abbraccio perché quando non mi sento bene, il mio morale ha un netto tracollo.


In realtà essendomi passata la febbre forse potevo uscire stasera, ma a causa dell'alluvione qui a Genova vige il sacro e santo divieto di uscire in macchina, praticamente il Sindaco ci ha rinchiusi in casa... (Se vabbé illusa... stamattina eccome se sono uscita perché nessuno mi rovina le mie abitudini del sabato e anche se non ho un mezzo anfibio dribblando le strade del centro con l'autostrada sono riuscita a farla franca!!) quindi ho deciso di seguire almeno di sera le ferree regole imposte dal Comune.
Siccome a causa dell'antibiotico il mio povero stomaco maciullato digerisce poco e niente per ancora un bel po' giorni mi tocca osservare una sorta di dieta semi imposta... e così stasera pizza con pasta di farina integrale!
E' stato un vero e proprio esperimento per me, in pizzeria mi capita di prendere la pizza integrale e mi piace molto, ma non ho mai fatto la pasta integrale in casa.
Devo dire che è venuta buona, croccante al punto giusto e di facile esecuzione e mi auguro anche digeribilità (domani ve lo saprò dire).

Ingredienti per la pasta:
  • 200 gr. di farina integrale;
  • 150 gr. di farina 00;
  • olio;
  • sale;
  • 25 gr. di lievito di birra.
Preparazione:

Sciogliete il cubetto di lievito in un bicchiere di acqua tiepida, mettete in una ciotola le due farine e unite l'acqua tiepida con il lievito, impastate aggiungete il sale e un filino di olio.
Lasciate riposare per almeno 3 ore impastando ogni tanto. 
Preriscaldate il forno a 200° non ventilato.
Stendete l'impasto nella teglia del forno precedentemente oliata e condite a vostro piacimento con mozzarella, pomodoro, insomma sbizzarritevi. Infornate, ci vorranno circa dai 15 ai 20 minuti per la cottura.
Vado dal mio caldo abbraccio...
Buon Appetito e Buon Sabato a tutti..




Nessun commento:

Posta un commento