Con questo blog voglio condividere con tutti voi le ricette che ho sperimentato e che mi sono piaciute di più!! La cucina è sempre stata un luogo molto importante nella mia vita ricordo ancora quando da piccola osservavo affascinata la mia nonnina, ormai novantenne, che impastava tagliatelle pansoti ravioli facendo roteare a velocità indescrivibile la manopola della macchina della pasta la famosa Imperia (che ormai la modernità ha dotato di motore) sembrava così fluida e leggera... in realtà durissima..., preparava "tegami" (come si dice a Genova) di verdure ripiene, torte di riso, focaccia con la salvia, con la cipolle e altre mille prelibatezze...
Crescendo il primo vero approccio pratico alla cucina me lo ha dato mia mamma grazie alla quale mi sono appassionata soprattutto ai dolci... ricordo con gioia i momenti in cui finito di studiare per l'università mi rilassavo cucinando insieme a mia mamma torte dolci e salate, le prelibate focaccette al formaggio pizza... per poi gustarle tutti insieme a tavola la sera.
E adesso che ho 32 anni, sono sposata e lavoro trovo nella cucina un momento di relax che mi permette di "sfogare" gli stress di una giornata "a mille". (per la gioia del palato del mio maritino).

domenica 18 settembre 2011

GLI ANICINI

Per chi come me ama l'anice i biscotti anicini, tipici della tradizione genovese, rappresentano una vera e propria delizia.
L'anice è una delle spezie più antiche, utilizzata nelle cucine di tutto il mondo; i Greci, gli Egizi, ed i Romani lo utilizzavano per aromatizzare carni bianche, carni di maiale, biscotti e verdure. Nei monasteri veniva utilizzato principalmente per fare deliziosi liquori. Plinio indicò l'anice come un ottimo rimedio alle indigestioni e come anti-rughe.
In Italia l'anice fu introdotto dagli Arabi che lo portarono in Sicilia, dove venne a lungo sfruttata come bevanda dissetante, servita con ghiaccio.


Oggi gli anicini sono stati quasi completamente surclassati dalla biscotteria industriale ma rimangono comunque un importante simbolo della pasticceria genovese.
Un tempo, invece si ambientavano perfettamente all'atmosfera dei salotti borghesi genovesi, tra tovaglioli ricamati a mano e bicchierini di aleatico e rosolio.
Questa è la tipica ricetta genovese degli anicini:

Ingredienti:
  • 200 gr. di farina bianca;
  • 150 gr. di zucchero;
  • 1 bicchiere di liquore d'anice (che può essere tranquillamente sostituito con 2 cucchiaini da caffè di semi di anice)
  • mezza bustina di lievito in polvere;
  • e un goccio di latte.
Preparazione

Prendete la placca da forno e rivestirla di carta forno, accendete il forno a 180° ventilato.
Mettete in una ciotola le uova, e lo zucchero con lo sbattitore a velocità media amalgamare bene il tutto, successivamente incorporare la farina un po' per volta, aggiungere il latte e il lievito. Mescolare per un minuto ad alta velocità. 
Versate il composto nella placca rivestita con la carta forno ed infornare per circa 20 minuti, quando il composto di è solidificato, tirare fuori dal forno tagliare a fette e rimetterlo nel forno a biscottare.
Lasciare raffreddare e servire magari accompagnati a una buona crema pasticcera o con una profumata tazza di thè.
Buon Appetito!




Nessun commento:

Posta un commento